SALVIA FRITTA

Complici le interminabili piogge di questa primavera, la salvia in orto sta producendo foglie di una grandezza esagerata: stupende per preparare un fritto veramente squisito!
Accingiamoci dunque a preparare una pastella speciale.
In una ciotola uniamo a 100gr. di farina un cucchiaio di farina di riso, 10dl. di acqua minerale gasata, 10dl. di birra, un cucchiaio di olio di oliva ed un pizzico di sale.
Mescoliamo energicamente per evitare la formazione di grumi e quando la pastella sarà ben fluida mettiamola a riposare per un paio di ore in frigorifero coperta con un panno.
Prendiamo le grandi foglie di salvia. Immergiamole nella pastella fino a che non siano ben ricoperte e tuffiamole in abbondante olio bollente,  rigiriamole, estraiamole e mettiamole ad asciugare dall’olio in eccesso su dei fogli di carta apposita per fritti.
Posiamole su di un grande piatto salandole leggermente.
Un aperitivo veramente notevole!

POLENTINE ALLA SALVIA

Un simpatico contorno per secondi saporiti quali fegato con cipolla, rognone al cognac,ma anche brasati vari o arrosti di maiale. A voi scegliere…

Far bollire in una casseruola 3 ml. di latte con 4 ml. di brodo di verdura, salare e buttare 200 gr. di farina di mais mescolando energicamente per 10 minuti.
Lasciar raffreddare poi incorporare 80 gr. di grana grattugiato e una decina di foglie di salvia tritate.

Prendere delle formine per biscotti, ungerle con del burro mettere al centro una foglia di salvia e distribuirvi sopra la polenta ancora calda. Una volta raffreddato porlo in frigorifero per una mezz’ora o più.
Staccare la polenta dalle formine e passarla in forno a 180° per 15 min.
Le nostre polentine sono pronte per essere trasferite su di un piatto da portata a complemento della carne scelta.

AROMATICHE IN CUCINA

COMPOSIZIONE CON: una piantina di peperoncino,aglio, salvia, rosmarino, timo, alloro, erba luigia, ecc.

Come allestirla:
prendiamo un cestino, rivestiamolo con della plastica robusta e poi inseriamo dell’oasis (spugna da fioristi) ben bagnata seguendo la forma del cestino.
Cominciamo coll’inserire il vasetto di peperoncini, posizioniamo ora i rametti di rosmarino lungo il lato  posteriore, inseriamo dei rami di erba luigia o di alloro, sempre sul dietro della composizione, mettiamo dei ciuffi di salvia più bassi dei rami precedenti e davanti, qualche rametto di timo lungo il bordo e le teste di aglio infilzate in uno spiedino ad alleggerire il tutto.
Sarà sufficiente cambiare i rami quando si seccano per avere il nostro piccolo orto di aromatiche sempre pronto!